Loading...

venerdì 30 gennaio 2015

Perché non si sa tutt'ora chi erano i cecchini del Maidan? Fort Rus

FONTE: la pagina Facebook di Giulietto Chiesa di oggi, 30 gennaio 2015

E' sempre più forte il sospetto che fossero coinvolti individui con l’ordine di ferire e uccidere manifestanti e poliziotti con l’obiettivo di creare il caos.
I CECCHINI DI MAIDAN
di Nicolai Lilin
A quasi un anno dalla strage compiuta dai cecchini a Kiev il corso delle indagini è a un punto fermo. Non c’è ancora risposta ufficiale su chi fossero i cecchini che il 20 febbraio 2014 a Maidan hanno ucciso 14 poliziotti, 45 manifestanti e ferito circa 85 persone.
Ecco un'inchiesta della Reuters che, tra le altre cose, ha scoperto che:
- sono scomparsi proiettili e bossoli
- sono stati segati gli alberi con fori da proiettile
- dei tre poliziotti accusati, uno ha perso la mano sei anni fa e l'unica prova contro di lui è una foto di un uomo mascherato che imbraccia un fucile a due mani (le mani sono ben visibili)
http://www.reuters.com/…/us-ukraine-killings-probe-special-…)
Recentemente è stato rianalizzato il materiale video, ve ne proponiamo un breve estratto di 3 minuti sottotitolato.
Viene fermata un'auto con nascosto un fucile di precisione e subito intervengono due persone: uno è adesso deputato, l'altro è l'aiutante del ministro dell'interno Avakov. Nel video si fanno nomi e cognomi.
Abbiamo chiesto il parere dello scrittore Nicolai Lilin, ex cecchino:
"Penso che la verità cominci ad uscire fuori, come sempre accade nei casi dei complotti studiati male ed applicati in fretta, il massacro del Maidan è la conferma. L'arma in questione è una Colt M4 abbinata a un calcio regolabile per tiro operativo a lunga distanza (si notano i poggiaguancia regolabili che in un'arma adoperata sulle distanze brevi hanno poca utilità) oppure uno dei tanti suoi cloni, incamera la cartuccia 5,56 NATO, ottima per tiro in ambiente urbano perché la pallottola è veloce e leggera, si frammenta facilmente e quindi causa delle ferite sopratutto non mortali, in poche parole è un calibro per creare feriti.
Le pallottole dei calibri come il 5,56 rimbalzano con facilità sulle superficie rigide e quindi sono adatti per sparare sulla folla in movimento, perché anche nel caso che le persone si muovano e si spostino se il bersaglio viene mancato la pallottola, se la sua traiettoria è favorevole, colpirà qualcuno di sicuro perché rimbalzerà su asfalto, automobili, tombini, bordo di cemento del marciapiede, muro di casa. In questo caso sarà anche difficile risalire all'assassino perché da una ferita presa dalla palla di rimbalzo non si può risalire alla posizione del cecchino e la palla in sé si deforma così che a volte l'esperto non riesce non solo ad analizzarla, ma semplicementea identificare il suo calibro.
In Russia il calibro analogo è il 5,45, nella guerra cecena, soprattutto nelle battaglie urbane spesso noi e i terroristi sparavamo sui muri di cemento delle case di fronte ai luoghi dove credevamo che si nascondesse il nemico, in questo modo il nemico veniva colpito di rimbalzo. L'M4 è un'arma molto più precisa e stabile di qualsiasi AK, quindi si può presumere che gli organizzatori avessero scelto apposta quest'arma perché il cecchino doveva sparare da una distanza che superava i 300 metri, dove l'AK se non è rifinito e preparato apposta, rischia di far deviare le pallottole dall'obiettivo. Inoltre l'arma era fornita di alcuni elementi che indicano che si tratta di un fucile non del mercato nero, ma di un fucile che ha il suo padrone che lo ama e cerca renderlo più comodo e bello esteticamente.
Un terrorista qualsiasi non tratterebbe mai un'arma in questo modo, perché di solito la butta dopo averla usata. Qui abbiamo a che fare con il fucile di un tiratore attento, un'arma trattata con amore, sicuramente tarata e testata dal proprietario che non vuole commettere errori sparando"
Nicolai Lilin
da Fort Rus


Pubblicato il 29 gen 2015
Chi erano i cecchini colpevoli di centinaia di morti durante il Maidan a Kiev tra i quali oltre ai manifestanti c'erano i poliziotti dell'unità Berkut?
La giunta nazista ucraina ha subito approfittato di questa tragedia per accusare il presidente Yanukovich.
Ma a distanza di un anno "stranamente" non è stata trovata nessuna prova, nessun colpevole è stato condannato.
Il motivo è presto detto fin dall'inizio questo massacro era un'operazione pianificata dai criminali nazisti per usurpare il potere. Con il sangue delle vittime del Maidan sono saliti al potere e col sangue del popolo del Donbass lo mantengono oggi.

PTV News 30 gennaio 2015 - Nuove sanzioni UE basate sul nulla. -PandoraTV



Pubblicato il 30 gen 2015
La UE accusa Mosca del bombardamento di Mariupol e decide nuove sanzioni. Ma persino Kiev smentisce Bruxelles: “non ci sono truppe regolari russe nel Donbass”.

GRECIA: SENZA BARRICATE, PARTONO LE RIFORME CONTRO L’AUSTERITA’ - da sapereeundovere.it

 FONTE: http://www.sapereeundovere.it/grecia-senza-barricate-partono-le-riforme-contro-lausterita/

924
924FONTE: ZEROHEDGE.COM
Non ci ha messo molto Syriza per cominciare a fare cambiamenti in Grecia. Certo queste prime mosse possono sembrare di basso profilo, minori rispetto al tema “debiti”, come scriveKeepTalkingGreece, ma Alexis Tsipras e la sua squadra insieme a Panos Kammenos hanno subito spinto forte sul pulsante Fast Forward per ripristinare una serie di cosiddette “riforme”, le misure di austerity imposte al paese dagli usurai della Troika – tra le riforme della sinistra ci sono: rottamazione delle privatizzazioni programmate, rottamazione dei tickets per gli ospedali pubblici e per le ricette mediche, ripristino della “ TREDICESIMA per le pensioni” a basso reddito a altre azioni che SYRIZA aveva promesso prima delle elezioni
POI hanno levato le barricate di ferro che erano state messe davanti al Parlamento.
Le  Barricate di ferro
La prima mossa rivoluzionaria è stata quella del Ministro alternativo responsabile per la Protezione della Cittadinanza e dell’Ordine Pubblico, Yiannis Panousis, che ha fatto rimuovere le barriere di ferro messe davanti al Parlamento Greco.  Queste barricate erano state istallate per proteggere i parlamentari dalla rabbia dei manifestanti dopo le tante proteste contro l’austerity, a cominciare dal 2010.
 
Come era prima
Dopo la rimozione delle barricate
Panousis, che è Professore di Diritto Costituzionale, lo ha annunciato mercoledì mattina e subito dopo la prima seduta del nuovo gabinetto le barriere di ferro sono state rimosse.
Per la Sanità
Il Ministro alternativo  Andreas Xanthos ha annunciato quali sono gli “obiettivi previsti per la Sanità”, eliminare i tickets da5-euro negli ospedali pubblici e quello da 1-euro per ogni ricetta medica oltre che alla riduzione della quota pagata dai pazienti per l’acquisto dei farmaci.
Il costo mai visto prima imposto ai pazienti aveva portato certe persone ad interrompere l’assunzione di farmaci e a chiedere i farmaci salvavita alle organizzazioni di beneficenza, come avevano più volte scritto i giornali, segnalando la difficile situazione del settore sanitario in Grecia.
Le Pensioni



Il Ministro alternativo per la Spesa Pubblica, Dimitris Stratoulisha annunciato lo stop ai tagli alle pensioni e il ripristino della “Tredicesima” per i pensionati che ricevono meno di €700 al mese ed ha anche detto che le famiglie degli “agricoltori non-assicurati” torneranno a prendere €360 al mese.
Salario Minimo
Il Ministro del Lavoro e della Solidarietà Sociale, Panos Skourletis, ha annunciato che il salario minimo sarà portato a €751 lordi, inoltre verranno ripristinati i contratti collettivi di lavoro.
Per la pressione della Troika e in nome della cosiddetta  “competitività”, il salario minimo era stato portato a  €580 lordi e a €490 lordi (per chi nel 2012 non aveva ancora compiuto i 25 anni) con l’effetto che questi importi non riuscivano nemmeno a coprire le esigenze basiche mensili di una famiglia.
Riassunzioni nel Settore Pubblico
Il  Ministro per le Riforme  Amministrative Giorgos Katrougalos  ha annunciato la riassunzione  di quei dipendenti che erano stati cacciati dalla PUBBLICA AMMINISTRAZIONE  con la formula della “mobilità”. Secondo Katrougalos, il loro licenziamento è stato un atto contro la Costituzione.
Bidelli, addetti alle pulizie ed insegnanti sono stati cacciati in massa, dopo che il Governo Greco aveva deciso di licenziare, dalla sera alla mattina,  circa 10,000 persone per andare incontro alle richieste della Troika per allineare le spese della pubblica amministrazione. I licenziamenti non sono stati fatti con un criterio meritocratico, questa misura è solo stata orientata solo verso certi gruppi di dipendenti.
La nazionalità greca ai figli dei migranti
Il Ministro alternativo per le Politiche della Migrazione Tasia Christodoulopoulou ha annunciato che i figli dei migranti  nati e cresciuti in Grecia avranno diritto alla nazionalità greca che, forse, potrebbe essere anche estesa ai bambini arrivati nella prima età.
Prendendo in considerazione il programma di SYRIZA, annunciato da Alexis Tsipras il 20 gennaio a Salonicco, sull’agenda del nuovo governo sono registrate altre misure e cambiamenti anti-austerity. Per il momento tutti i ministri hanno fatto i loro annunci nei programmi televisivi.
Gli annunci ufficiali dovrebbero arrivare la prossima settimana al Parlamento Greco quando la coalizione chiederà il  voto di fiducia. Per il momento in TELEVISIONE non c’è ancora stato nessun annuncio ministeriale sul tanto temutoAUMENTO DELLE TASSE.

28.01.2015
Fonte: Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fontecomedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario

la scienza marcia e la menzogna globale: Un sistema marcio si può mantenere solo con la repressione sistematica

la scienza marcia e la menzogna globale: Un sistema marcio si può mantenere solo con la rep...:



Diversi eventi davvero significativi verificatisi di recente, mostrano il vero volto del sistema in cui viviamo. 

Da una parte chi denuncia l'avvelenamento della biosfera terrestre viene perseguitato nuovamente da provvedimenti giudiziari a dir poco pretestuosi, dall'altra chi si adopera per diffondere e praticare cure naturali viene trattato come un criminale.

Giunge infatti notizia dagli USA (che ben sappiamo, sono una nazione che ha abdicato alle libertà personalidpopo la promulgazione del Patriot Act) di una coppia di genitori arrestati perchè distribuiva MMS (biossido di cloro), e l'altra cui sono stati tolti i figli perchè lo utilizzavano a fini preventivi. I dettagli di queste due storie sono inquietanti e mostrano il vero volto del potere, un potere violento e spietato con gli onesti, e accondiscendente e accomodante con i peggiori delinquenti. Basti pensare che invece di una denuncia e di un regolare processo, si è passati subito a vie di fatto pesantissime, come l'irruzione in casa ed il contemporaneo allontanamento dei figli.

Per riuscire a perseguitare queste persone si è utilizzata una raccomandazione della FDA contraria all'uso del biossido di cloro, che però è smentita da uno studio scientifico referatoreperibile persino nel database scientifico governativo degli USA. Al contempo è stata resumata una legge draconiana di 100 anni fa, e si è messa in atto un'incredibile azione di indagine e di repressione nei confronti di due persone che, di fronte alle prime avvisaglie persecutive, avevano già ritirato il prodotto dalla distribuzione inviando persino lettere agli acquirenti indicando di non utilizzarlo.

Giulietto Chiesa: "la mia avventura a Tallinn". Un documentario prodotto da Pandora tv.



Pubblicato il 29 gen 2015
Dopo aver inspiegabilmente ricevuto un decreto di espulsione da parte del governo estone, Giulietto Chiesa torna a Tallinn, insieme alla senatrice Paola De Pin, per partecipare alla conferenza a cui gli era stato impedito di partecipare. Il governo ha implicitamente riconosciuto il suo passo falso ed è stato costretto alla retromarcia. E la storia non è finita.


Regia Adalberto Gianuario
Una produzione Pandora tv

giovedì 29 gennaio 2015

NO NWO Comitato Sardo scie chimiche



Pubblicato il 28 gen 2015
Boicottiamo il NWO!

"È giunta l'ora di aprire gli occhi,
la realtà odierna è molto più di quanto avremo mai pensato di vedere,
viviamo quotidianamente ingiustizie, cose illogiche fatte passare come normalità pur di abituarci al fatto che chi ha poco deve avere sempre meno, e che chi ha molto deve appropriarsi anche di ciò che i più devono sudarsi con duro è logorante lavoro,
sono tutti coinvolti, politici, banche, lobby delle ARMI, industrie farmaceutiche e alimentari, compagnie petrolifere e aeree....
consciamente o inconsciamente sono tutti dediti a seguire gerarchicamente chi a sua volta impartisce gli ordini, giusti o non giusti,ma motivati dal desiderio di arricchirsi e mantenere la loro posizione privilegiata...
Tutti dovremmo svegliarci!!!!
fa tutto parte di un piano malefico ,quello dedito a sopprimere gran parte della popolazione Mondiale con metodi viscidi ma redditizi per le tasche di chi sta al vertice di questa piramide di sangue!!!

NOI NON CI FAREMO RENDERE SCHIAVI...VOI???"
- CSSC -

"Avremo un governo mondiale, che vi piaccia o no. L'unica questione è se questo governo verrà realizzato tramite la conquista o il consenso" .
(Paul Warburg 17 Febbraio 1950, testimonianza dinanzi al Senato degli Stati Uniti).

Il termine Nuovo ordine mondiale (nwo) è un termine generico attribuito ad una cospirazione universale orchestrata da un gruppo estremamente potente ed influente di individui, legati geneticamente (per lo meno ai gradi più alti) tra di loro, che include molte delle persone più ricche al mondo, i capi politici più importanti, e l'elìte corporativa, così come pure i membri della cosiddetta Nobilità Nera d'Europa (dominata dalla Corona Britannica), il cui obiettivo è quello di creare un Unico Governo (fascista) Mondiale, privato dei confini nazionalistici e regionali, e che sia obbediente alla loro agenda.

Il loro scopo è quello di compiere un completo e totale controllo sopra ogni essere umano del pianeta e di ridurre drammaticamente dei 2/3 la popolazione mondiale. Mentre il nome Nuovo Ordine Mondiale è il termine più frequentemente usato oggi per riferirsi genericamente a chiunque impegnato in questa cospirazione, lo studio di chi compone esattamente questo gruppo è complesso ed intricato.

"Un Unico Governo Mondiale e un Sistema monetario, sotto il controllo permanente di un'oligarcha ereditaria non eletta, che si auto-proclama all'interno del proprio ristretto gruppo, sotto forma di un sistema feudale come ai tempi del Medio Evo. In quest'Unica entità Mondiale, la popolazione verrà decimata tramite limitazioni sul numero di bambini per famiglia, malattie, guerre, carestie, fino a raggiungere in calando circa 1 miliardo di persone, utili e controllabili dalla classe dominante, in zone rigorosamente e distintamente definite, così da costituire la popolazione totale del mondo.

Non vi saranno classi di ceto medio, soltanto dominatori e servi. Tutte le leggi saranno uniformate sotto un sistema giudiziario composto da tribunali internazionali che eserciteranno lo stesso codice di leggi unificato, sostenuto da un'unico corpo di polizia globale, e da un esercito mondiale unificato per far rispettare le leggi in tutte le ex-nazioni, nelle quali nessuna frontiera nazionale esisterà più. Il sistema sarà
sulla base di uno stato di benessere; coloro che saranno obbedienti e servili all'Unico Governo Mondiale saranno ricompensati con i mezzi necessari a vivere; coloro che si ribelleranno saranno semplicemente lasciati morire di fame o dichiarati fuorilegge, diventando quindi un bersaglio facile per chiunque desideri ucciderli. Armi da fuoco o di qualsiasi tipo privatamente possedute saranno proibite."

(tratto da Conspirators Hierarchy:
The Story of the Committee of 300 di John Coleman)

Scandaloso M5S: propongono Prodi come Presidente della Repubblica! Losai.eu - da Losai.eu


Pubblicato il 28 gen 2015
Visita il nostro sito losai.eu

De Angelis attacca Grillo per la candidatura di Prodi alle quirinarie - da Nocensura.com

Alessandro De Angelis (a sx)
Lo scrittore Alessandro De Angelis, attivista del M5s di Tivoli e relatore a numerose conferenze su temi di contro-informazione organizzate dal meetup in oggetto, condanna quello che lui definisce "l'inciucio Grillo-Casaleggio" per la votazione nel blog delle quirinarie, dalla quale sono emersi i nomi di Prodi e Bersani

"Il signor Grillo propone al blog anche Bersani e Prodi il cui governo cambiò l'articolo 3 dello statuto di banca d'Italia che doveva essere una banca di diritto pubblico? Ma ci prendono in giro? Ora basta questa è gestione del dissenso conclamata, non si prendono in giro cosi chi vi ha votato e gli attivisti del M5S che ormai ben conoscono la truffa del debito pubblico ed il signoraggio bancario, Grillo se ero io al faccia a faccia contro Renzi lo avrei sputtanato in due minuti chiedendogli come si è generato il debito pubblico e come hanno ceduto con un alto tradimento la sovranità monetaria all'oligarchia bancaria, io continuerò a fare conferenze per il M5S contro questa gestione del dissenso e se uno è uno a queste condizioni non ci servi, grazie ma noi andiamo avanti da soli. Sveglia attivisti tutto questo non è più plausibile siamo per il popolo o per Grillo? le due cose sono divenute ormai inconciliabili." Alessandro De Angelis

Alessandro De Felice: i misteri sulla fine di Hitler ACCADEMIA DELLA LIBERTA'

Miscappaladiretta 29/01/2015. Vabbè la strategia, ma il CRIMINALE Prodi per favore NO!



Pubblicato il 29 gen 2015
Questo video è a bassa risoluzione e con una retinatura "anti furbetti". Per la versione originale clicca qui:
Nuovo Video. Miscappaladiretta 29/01/2015. Vabbè la strategia, ma il CRIMINALE Prodi, per favore NO!
http://salvo5puntozero.tv/miscappalad...

http://WWW.SALVO5PUNTOZERO.TV

Facebook: https://www.facebook.com/salvatore.ma...
Twitter: https://twitter.com/SalvoMandara
Google +: https://plus.google.com/u/0/111146936...
Ustream: http://www.ustream.tv/channel/salvoma...
Blog: http://www.salvomandara.it/

Gorbachev prevede di passare dalla «guerra fredda» alla «calda» da Russia.it



L'ex Presidente dell'URSS Michail Gorbachev ha dichiarato che gli USA ha risucchiato la Russia in una «guerra fredda» che piu trasformarsi in un guerra concreta. 
 
«Se chiamiamo le cose con il loro nome, allora l'America ci ha già risucchiato in una nuova «guerra fredda», cercando di realizzare apertamente la loro idea generale, l'idea del trionfalismo. La «guerra fredda» è già in atto apertamente. Purtroppo, non posso dire con certezza che la «guerra fredda» non porterà a quella «calda». Ho paura che loro vogliano rischiarla» - cita il politico «Interfax».
 
Secondo Michail Gorbaciov, nonostante il fatto che l'opinione pubblica mondiale sia immersa in un'opposizione, la situazione fra Stati Uniti e l'Unione europea «non è semplice». Non tutti i paesi europei vivono bene ha sottolineato il politico. «Sì e la dipendenza dagli Stati Unitià è eccessiva, compresa la Germania» ha aggiunto, sottolineando che tra i politici c'è una grande spaccatura che non si ricompone diventerà sempre più profonda. 
 
http://tvzvezda.ru/news/vstrane_i_mire/content/201501291103-ftt6.htm

PTV News 29 gennaio 2015 - Mariupol. L'UE accusa la Russia senza prove. Ma Tsipras si oppone.



Pubblicato il 29 gen 2015
Mariupol. L’UE accusa la Russia senza prove. E minaccia l’adozione di nuove misuire restrittive contro Mosca. La ricostruzione di come il bombardamento di Mariupol è servito a giustificare ulteriori sanzioni contro la Russia.

La previsione del GOLPE nazista a Kiev e del terrore del Maidan Fort Rus -da Fort Rus



Pubblicato il 28 gen 2015
Novembre 2013. E' l'alba della barbarie del Maidan di Kiev che porterà l'Ucraina al Colpo di Stato armato del 22 Febbraio 2014 e alla nascita in Europa di un potere sanguinario e neo nazista, per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale.
Oleg Tsariov, deputato del Parlamento Ucraino, denuncia l'attività di gruppi sovversivi, che comandati direttamente dalla Ambasciata Americana a Kiev stanno preparando il terreno per un GOLPE e per lo scoppio di una guerra civile in Ucraina.
Previsioni che si sono rivelate esattamente azzeccate.
(Oleg Tsariov ha continuato a denunciare la deriva del nuovo regime anche a seguito del GOLPE e dopo essere stato ripetutamente picchiato e minacciato di morte dagli sgherri del regime, si è aggregato alle forze politiche delle Repubbliche indipendentiste della Novorossiya).

Chi ha bombardato Mariupol il 24 gennaio? | Pandora TV

Chi ha bombardato Mariupol il 24 gennaio? | Pandora TV






Pubblicato il 28 gen 2015
Analisi del bombardamento dei quartieri abitati di Mariupol del 24 gennaio 2015. Gli strumenti (MilitaryMaps, Yandex Maps) e i materiali (vari video di Youtube, informazioni sulla gittata,area d'impatto dei missili) sono liberamente disponibili su internet a chiunque voglia controllare e farsi un'idea indipendente su come si sia svolta questa tragedia.

mercoledì 28 gennaio 2015

Ray McGovern e Marcello Foa a Firenze Gabriele Chiurli - da Gabriele Chiurli



Pubblicato il 28 gen 2015
La versione integrale del convegno "LA GUERRA DELL'INFORMAZIONE", organizzato da Gabriele Chiurli in Consiglio regionale della Toscana il 24 gennaio 2015

MercoledìConEnrica. Se togliamo anche Dante dalle scuole...12a Puntata. 28/01/2015 Salvo5puntozero



Pubblicato il 28 gen 2015

Viviamo in un mondo di dormienti che diventano feroci se qualcuno tenta di svegliarli - da altrarealta.blogspot.it/

FONTE:  http://altrarealta.blogspot.it/2015/01/viviamo-in-un-mondo-di-dormienti-che.html?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed:+AltraRealta+(ALTRA+REALTA%27)

Socrate credeva, ottimisticamente, che tutti gli uomini aspirino al bene e che, se compiono, invece, il male, ciò accade per ignoranza; ma basterebbe illuminarli sul loro errore, per consentirne il ravvedimento.

Sarebbe molto bello, e inoltre molto semplice, se davvero le cose stessero in questo modo; ma, purtroppo, vi sono numerosi indizi che suggeriscono la fallacia di una tale teoria.

La verità è che più si osserva il comportamento degli esseri umani, più si finisce per ammettere che la stragrande maggioranza di essi è formata da dormienti, che non desiderano destarsi dal proprio sonno voluttuoso, e nemmeno dai propri incubi; che vogliono continuare a dormire, a dispetto di tutti, anche se la casa in cui vivono sta prendendo fuoco; che non provano alcuna gratitudine nei confronti di coloro i quali cercano di destarli, ma, ben al contrario, nutrono nei confronti di costoro un odio implacabile, come se fossero i loro peggiori nemici, nel tempo stesso che onorano ed applaudono i malvagi pifferai che favoriscono i loro sonni e il loro sognare.

Per quella piccola minoranza di risvegliati, i quali cominciano a rendersi conto della natura illusoria del mondo in cui viviamo e del carattere risibile, se non addirittura pericoloso, della maggior parte delle cose che suscitano, nei più, compiacimento e desiderio di imitazione, il problema si pone in questi termini: che cosa fare in un contesto di sogno generalizzato, di odio nei confronti della verità, di rancore nei confronti di ogni voce che sia fuori del coro? 

Come fare per evitare il treno che, guidato da un macchinista impazzito e carico di sonnambuli, sta per piombare addosso a coloro i quali sono desti, ma non possono agire sugli scambi, per deviarne la folle corsa?
E, ancora: è legittimo che il risvegliato cerchi di imporre ai dormienti la verità, se essi le preferiscono, invece, un mondo di menzogna; è giusto che cerchi di convincerli, di convertirli, di farli ravvedere, se ciò che essi vogliono è tutt'altro? ...


Certo, il giardiniere è uso a strappare le erbacce le quali invadono il suo giardino; ma il mondo non è un giardino, e ogni visione del mondo ha diritto di sussistervi: anche quella che appare manifestamente erronea. Sopprimere le visioni erronee non è compito del risvegliato; ma, semmai, offrire a tutti gli strumenti per valutare che cosa sia giusto e che cosa sia sbagliato: dopo di che, ciascuno deve assumersi la responsabilità del sentiero che intende seguire. 
Nessuno può venire costretto ad essere virtuoso; nessuno può venire costretto a cercare la verità, se non la desidera e se ad essa preferisce la menzogna.

D'altra parte, è certo che, a quel punto, si pone concretamente il problema della sopravvivenza di colui il quale ritiene di essersi destato, e che si trova continuamente esposto agli urti e alle aggressioni degli altri, ossia dei dormienti: e le aggressioni più minacciose sono proprio quelle di quei dormienti che sono stati destati a forza per essere illuminati.
È una questione di sopravvivenza. 

La storia ci offre sin troppi esempi di saggi, i quali sono stati crocifissi da una moltitudine che non voleva essere illuminata, che desiderava continuare a vivere nelle tenebre. E la moderna società di massa è la società dei ciechi e dei dormienti per eccellenza: è il vertice dell'attuale Kali Yuga, della Età Oscura nel ciclo della vicenda cosmica.

A meno che voglia andare incontro al martirio, dunque - e vi sono, indubbiamente, degli ideali che meritano di essere perseguiti fino al martirio - il risvegliato è indotto a interrogarsi sul senso del suo vivere nella società, e sulle modalità con le quali deve gestire il suo rapporto con il prossimo. 

In effetti, nessuno è disposto a modificare la propria concezione del mondo, o a lavorare seriamente su se stesso, se non sulla base di una profonda e sentita esigenza interiore; e quest'ultima non potrà mai venire da un agente esterno, se non in coincidenza con un impulso interno.

Quel che vogliamo dire, è che le persone sono disponibili ad affrontare un salto qualitativo nella propria evoluzione spirituale, solo se, e quando, decidono di prendere coscienza del problema; ossia, in genere, quando si rendono conto, non solo di essere insoddisfatte della propria vita attuale - ciò che accade a molti -, ma di essere disposte a mettersi in gioco per uscire dal punto morto in cui si trovano.
In quella fase, e solo in quella fase, un evento esterno può fungere da detonatore della loro crisi benefica e affrettare una presa di coscienza: può essere l'incontro con una persona buona e saggia, o con un libro, o con una situazione inconsueta e stimolante (magari anche in apparenza negativa, come una malattia o il distacco da una persona cara).

Viceversa, se il momento non è giunto e la persona non è ancora pronta, nessun saggio, nessun libro e nessuna situazione stimolante potrebbero innescare una evoluzione spirituale; come dice il Libro dell'Ecclesiaste, vi è un tempo per ogni cosa: per parlare e per tacere, per dormire e per vegliare, per vivere e per morire. E, così come la natura fisica non fa salti, la stessa cosa può dirsi per la vita dell'anima: il suo processo evolutivo non può essere forzato.

Questo, difatti, è l'errore di fondo di tutte le rivoluzioni politiche e sociali: pensare che il mondo possa diventare migliore, una volta che si sia compresa una formula e la si sia messa in pratica, indipendentemente dalla vita interiore delle persone. Ma se non c'è una evoluzione spirituale, nessuna formula, per quanto perfetta in teoria, potrà rivelarsi capace di rendere il mondo migliore; al contrario, la storia è piena di esempi di formule ideali che si sono trasformate in terribili strumenti di oppressione e di malvagità, trovandosi nelle mani di persone che non avevano saputo compiere alcuna evoluzione interiore.

Per la persona che sia disponibile ad aprirsi, a mettersi in gioco, a evolvere spiritualmente, la vita offre infinite occasioni di miglioramento, purché le si sappia vedere.

Un disturbo fisico, ad esempio, è certamente un segnale: un segnale che il nostro corpo ci manda, e che contiene informazioni preziose circa la disarmonia presente nella nostra vita. In ultima analisi, ogni disturbo fisico è riconducibile alla dimensione spirituale; ed è veramente sconcertante vedere come la grande maggioranza degli esseri umani si disinteressa del problema, sforzandosi di mettere a tacere il sintomo - ossia il campanello d'allarme -, invece di andare alla ricerca del problema profondo che il corpo ha segnalato.



Peggio ancora: se il disturbo persiste, moltissime persone si affidano ciecamente a farmaci e a medici, come se farmaci e medici potessero sostituirsi alla doverosa presa di coscienza del proprio problema; e le stesse persone che delegano in questo modo la salvaguardia della propria salute, firmando una cambiale in bianco nei confronti dell'apparato sanitario ufficiale, sono poi quelle che esigono di occuparsi in prima persona, e fin nei minimi dettagli, di cose assolutamente banali e secondarie, come la scelta del nuovo modello di automobile da acquistare o l'intervento di chirurgia estetica per aumentare le dimensioni del seno.

Un altro esempio di questa tendenza a delegare le questioni davvero rilevanti ad agenzie esterne, è offerto dalla politica. La grande maggioranza delle persone non si informa adeguatamente di ciò che attiene a questa sfera e preferisce firmare una cambiale in bianco ai partiti, i quali mandano in Parlamento i loro uomini di fiducia, una legione di «yes-men» dalla schiena flessibile, fedeli esecutori delle direttive ricevute dalle rispettive segreterie.

Un discorso analogo si può fare per la pubblica amministrazione. Il risultato è che i nostri sindaci e assessori, che si muovono nella sfera del quantitativo e di ciò che ha un alto grado di visibilità (indipendentemente dalla sua efficacia), difficilmente riescono a concepire delle soluzioni innovative per i problemi che devono affrontare.
Un pezzo grosso dell'amministrazione provinciale, ora divenuto ministro, qualche tempo fa propose di porre rimedio all'alto numero di incidenti mortali del sabato sera, facendo tagliare migliaia di platani lungo uno storica strada provinciale: come se il problema fosse quello dei platani (i quali, comunque, hanno anch'essi il diritto di vivere) e non quello di uno stile di vita sbagliato e di uno scarso senso di responsabilità da parte di molti giovani.

Ma torniamo al problema del risvegliato che deve confrontarsi, tutti i santi giorni, con una folla di sonnambuli, i quali si muovono pericolosamente e reagiscono in maniera aggressiva se qualcuno tenta di destarli e di responsabilizzarli.
Julius Evola suggeriva che, in tempi di Kali Tuga, l'unica cosa da fare è imparare a «cavalcare la tigre»: ossia, anziché opporsi frontalmente ad una situazione negativa generalizzata, sfruttare la corrente, per procedere in maniera da non ricevere troppi danni e, addirittura, per riuscire a volgere a proprio favore le stesse caratteristiche di quella situazione, allo scopo di preservare il bene della propria interiorità.
Sia come sia, che impari a cavalcare la tigre, oppure che si abitui ad assecondare la corrente, il risvegliato ha la piena consapevolezza di non essere un superuomo e di non poter modificare, egli solo, una determinata situazione, diffusa nella società in cui egli si trova a vivere; e, inoltre, che non sarebbe saggio cercar di forzare l'evoluzione spirituale degli altri esseri umani, per le ragioni che abbiamo detto più sopra.
Che cosa dovrà fare, allora?
È molto semplice. 

Primo, dovrà proseguire incessantemente a lavorare su se stesso: perché la propria evoluzione spirituale è un compito che non finisce mai, e che si rivela più impegnativo, mano a mano che una persona vi si addentra.
Secondo, offrire - nella misura delle sue possibilità - una diversa prospettiva a coloro che gli stanno intorno e che gli sembrano aperti ad un cambiamento, ma senza illudersi di vederli cambiare dall'oggi al domani e senza attendersi gratitudine, né amicizia; ma, al contrario, mettendo in conto un certo grado di incomprensione, se non addirittura di aperta ostilità. 

In ogni caso, egli sa che le cose accadono quando è giunto il tempo in cui devono accadere: non un minuto prima, né un minuto dopo. 
In ciò consiste l'armonia del tutto: che ogni cosa è come deve essere; e che quelle cose, le quali ci appaiono negative, in realtà sono tali solo nella misura in cui noi non siamo in grado di farne una occasione di crescita e di perfezionamento.

In altre parole, la disarmonia è in noi, non nel creato; è nostra la responsabilità di non essere abbastanza evoluti da gestire in maniera responsabile e proficua le occasioni che la vita ci offre, per quanto esse possano presentarsi, talvolta, nella rude veste di eventi dolorosi.
Il risvegliato, pertanto, è colui che, ad un certo punto, decide di cogliere le occasioni che la vita gli offre per riprendere possesso di sé, per tornare ad essere il vero protagonista del proprio volere e del proprio agire. È colui che decide di non dare più ad altri la delega in bianco di ciò che lo riguarda in prima persona; di ascoltare i segni e di imparare a riconoscere gli avvertimenti.

Il mondo è pieno di segni, la vita è piena di avvertimenti. Si può dire che non vi è persona, situazione o evento che noi incontriamo nel nostro cammino terreno, che non costituiscano altrettanti segni, indicazioni, suggerimenti o stimoli. 

Tutto ci parla, se siamo disposti ad ascoltare; ma, naturalmente, per saper fare questo, bisogna prima imparare a fare silenzio. Troppi rumori inutili, fuori e dentro di noi, ci impediscono di udire l'essenziale; la cacofonia dei rumori inutili e disarmonici ci impedisce di udire e di godere del magnifico concerto dell'Essere.
Finché continuiamo a dormire, i nostri orecchi sono chiusi all'armonia dell'Essere e i nostri occhi sono chiusi al suo splendore.
Impariamo ad aprire occhi e orecchi, cominciamo a destarci: ce n'è, di giorno, che ancora deve sorgere, per noi che siamo immersi nel sonno.
L'unica luce del giorno è quella che ci trova ben desti, pronti e desiderosi di accoglierla in noi.

www.ariannaeditrice.it
http://crepanelmuro.blogspot.it/2011/11/viviamo-in-un-mondo-di-dormienti-che.html#more
http://altrarealta.blogspot.it/

Putin: l'esercito ucraino? Una legione della NATO. PandoraTV


Pubblicato il 28 gen 2015
"In realtà, questo non è un esercito, è una legione straniera, in questo caso una legione straniera della Nato, che certamente non mira agli interessi nazionali dell'Ucraina".
Le dichiarazioni sulla crisi ucraina rilasciate da Vladimir Putin a San Pietroburgo il 26 gennaio 2015.

martedì 27 gennaio 2015

La guerra della Nato in Ucraina è un pericolo per l'Europa - Intervista a Michael Lueders PandoraTV


Pubblicato il 27 gen 2015
Il coinvolgimento di mercenari della Blackwater e la strategia della NATO in Ucraina, i contatti tra Washington e Kiev e la presenza di fascisti nel governo di Yatsenyuk, il boomerang delle sanzioni contro la Russia e la nuova partnership di Mosca con Pechino e con Teheran. Questi i temi al centro dell’analisi del politologo tedesco Michael Lueders.
Gli europei "gradualmente cominciano a rendersi conto che gli interessi degli Stati Uniti in Ucraina non sono necessariamente gli stessi dell’Europa", afferma Lueders in questa recente intervista rilasciata alla rete televisiva Phoenix, del servizio pubblico tedesco.

lunedì 26 gennaio 2015

Syriza, le ragioni della vittoria - micromega-online - micromega

Leggi l'articolo al link qui sotto:



Syriza, le ragioni della vittoria - micromega-online - micromega

Basta Troike! - micromega-online - micromega

Leggi l'articolo a  questo link:

Basta Troike! - micromega-online - micromega




nocensura.com: Un operatore USA di droni senza pilota si autoaccusa

nocensura.com: Un operatore USA di droni senza pilota si autoaccu...:



La guerra è sempre più "asettica": chi preme il pulsante che lancia un missile non si rende conto fino in fondo delle conseguenze che avrà quel gesto. La coscienza è "anestetizzata" dall'aver eseguito un ordine imposto dai propri superiori e dal fatto che chi lancia un missile o sgancia una bomba da un jet non vedrà mai la distruzione e la morte provocata.

Negli ultimi anni sono entrati in scena i droni, per operazioni di spionaggio ma anche incursioni aeree prive di pilota,  ed i robot esploratori di terra, che vengono mandati in avanscoperta dai reparti di fanteria che operano sul territorio nemico.

Chi gestisce e pilota queste tecnologie, comandate a distanza, ha l'impressione di giocare ad un videogames. Le telecamere del drone inquadrano il terreno sottostante e gli "obiettivi" da colpire, che l'operatore abbatte schiacciando un pulsante, proprio come in un videogames. E proprio come un videogames gli operatori si felicitano a distanza per essere riusciti a colpire il bersaglio, come se avessero fatto "centro" al tiro al bersaglio di un luna park.

E così succede che un militare americano, operatore di drone, dopo aver ucciso oltre 1.600 persone mediante un drone, improvvisamente ha un rimorso di coscienza: razionalizza che non ha giocato ad un videogames, ma ha sparato razzi e proiettili veri, provocando una strage: che pur "autorizzata" e "comandata" dall'alto, è pur sempre tale. 

Per lui non ci saranno processi, ma medaglie al valore e promozioni. Ma in cuor suo, sa bene di avere tolto la vita a moltissime persone, buona parte delle quali magari innocenti, "danni collaterali", come dicono i militari. Grazie al suo "impegno", 1.600 famiglie piangono un loro caro, e sicuramente qualche "famiglia" è stata cancellata dai bombardamenti...


- - - - -



Brandon Ryant, un ex operatore addetto ai droni delle Forze Armate Statunitensi, ha chiesto scusa alle famiglie delle vittime degli attacchi aerei degli USA provocati dalle operazioni a cui egli stesso aveva partecipato. Con una lista di più di 1.600 morti sulle sue spalle, Bryant riconosce che gli attacchi si realizzavano “con una completa incertezza”.
“Mi dispiace che questo errore sia avvenuto. Sto facendo tutto il possibile per evitare che si producano più errori (…….) Non lo potrei sopportare”, afferma Brandon Bryant, il quale ha lasciato il suo lavoro nel 2011 dopo di aver lavorato per cinque anni nelle missioni di droni statunitensi per bombardare obiettivi in Pakistan ed in Iraq, in una intervista rilasciata ad RT.
Inoltre Bryant riconosce che “gli operatori erano carenti di visibilità e non erano sicuri della identità degli obiettivi su cui sparavano”. “Noi scorgevamo soltanto una sagoma, ombre di persone e uccidevamo le ombre. Non c’era nessun tipo di supervisione (…..) ed il programma era marcio da dentro”, confessa.
L’ex operatore statunitense di aerei non pilotati ha già ammesso che lui vive un rimorso di coscienza per la sua partecipazione a questi attacchi e sempre si ricorderà come aveva visto, sul suo schermo, morire dissanguate alcune delle sue prime vittime.


Brandon Bryant
Bryant ricorda che si trovava in una base della Forza Aerea in Nevada, maneggiando una telecamera, quando la sua equipe sparò due missili dal suo aereo non pilotato contro tre uomini che camminavano per un sentiero dall’altro lato del mondo, in Afghanistan. I missili colpirono i tre obiettivi e Bryant riferisce che aveva potuto vedere le conseguenze sul suo schermo incluso le immagini termiche dello sgorgare del sangue.
“Quando chiudo gli occhi posso vedere ciascuno di quei pixels”,ha detto Bryant, a cui hanno diagnosticato un trauma da stress traumatico.
Dopo aver partecipato a centinaia di missioni negli ultimi anni, Bryant ha detto “di aver perso il rispetto della vita” ed ha iniziato a sentirsi come “un sociopatico”.
Bryant è ritornato a casa nel Montana ed assicura che non vorrebbe pensare alla quantità di persone innocenti che vi erano nella lista delle vittime che aveva provocato.
Dall’anno 2001, gli USA hanno portato a compimento attacchi aerei mediante droni in una serie di paesi, incluso lo Yemen, in Pakistan, in Afghanistan ed in Somalia, fra gli altri, sostenendo sempre che gli obiettivi dei loro attacchi fossero obiettivi militari.
Traduzione: Luciano Lago per Controinformazione