Loading...

venerdì 19 maggio 2017

Per la libertà di scelta terapeutica - Comunicato FIAMO di FIAMO (Federazione Italiana Associazioni e Medici Omeopati)

http://www.informasalus.it/it/articoli/liberta-scelta-terapeutica.php?utm_campaign=20170519-info-digest&utm_medium=email&utm_source=newsletter#

  ( ...)concetti di azione primaria e secondaria . Il principio di azione-reazione evocato è uno dei pilastri della fisiologia e della biochimica. Non è difficile realizzare un ponte con la farmacologia scientifica attuale, alla luce delle conoscenze accumulate sulle proprietà tossicologiche dei farmaci e in generale delle sostanze biologicamente attive. Solo per fare qualche esempio, è noto che farmaci utilizzati nel controllo dell'ipertensione arteriosa possono provocare ipertensione arteriosa come effetto secondario; broncodilatatori che sembrerebbero farmaci d'elezione nella cura dell'asma, non possono essere usati a lungo perché provocano broncocostrizione, gli antiaritmici possono causare aritmie, gli antineoplastici possono causare neoplasie e così via. La razionalità scientifica non solo non contrasta col principio del simile, cardine dell'omeopatia, ma lo pone come una delle frontiere della farmacologia moderna. (...)


"...le vaccinazioni le quali, contrariamente a quanto normalmente si crede o si va dicendo, non sono normalmente supportate da evidenze ottenute con il criterio del doppio cieco controllato con placebo. Si dice che le vaccinazioni sono "farmaci", ma si trascura di dire che non sono provate come i normali farmaci. "


A conclusione di questa breve disamina, in ragione delle considerazioni svolte , i medici esperti nella medicina omeopatica rifiutano i provvedimenti di radiazione o censura - che, per quanto attualmente consta, considerano basati su motivazioni penali inesistenti, ma sono invece solo processi alle idee personali di stimati professionisti che hanno a cuore la personalizzazione delle cure- e rivendicano con forza il carattere profondamente etico e scientificamente valido del loro approccio al paziente. "